logo competition
sport
gennaio 21, 2016 - FIR - Federazione Italiana Rugby

6 Nazioni Femminile: la rosa delle 31 atlete per l'edizione 2016

Comunicato Stampa disponibile solo in lingua originale. 

Roma – Sono trentuno le atlete selezionate da Andrea Di Giandomenico per far parte della rosa per il Torneo delle #6nazionifemminile2016, la decima edizione per l'Italia dal 2007.

Per le Azzurre il torneo si aprirà sabato 6 febbraio (calcio d'inizio alle ore 21.00) con la sfida alla Francia, in programma allo Stade Marcel Verchere di Borg-en-Bresse.

Una settimana dopo, il 13 febbraio, l'Italia esordirà fra le mura di casa ad Ivrea, allo Stadio Gino Pistoni, alle ore 15.00, contro l'Inghilterra. Il 28 febbraio un nuovo appuntamento casalingo, l'ultimo dell'edizione 2016, questa volta a Bologna, allo Stadio Arcoveggio, alle ore14.30.

Gli ultimi due turni di gare vedranno protagoniste le Azzurre a Donnybrook il 13 marzo per il test match contro l'Irlanda (Donnybrook Stadium, ore 13.00 locali) e a Neath il 20 marzo contro il Galles (The Gnoll, ore 14.00 locali).

Lunedì 25 gennaio sarà resa nota la lista delle atlete che si ritroveranno a Settimo Torinese (TO) il 3 febbraio, per prender parte ai primi due turni di gara.

Le due migliori classificate nei Sei Nazioni 2015 e 2016 (punteggio aggregato) - ad esclusione delle nazionali già qualificate (Inghilterra, detentrice del Titolo, Francia, 3° classificata nel 2011 ed Irlanda, 4° classificata nel 2011 - conquisteranno l'accesso al Mondiale del 2017 in Irlanda. Quindi le due migliori tra Italia, Scozia e Galles.

Per Andrea Di Giandomenico, dal 2009 sulla panchina azzurra, "la qualificazione ai Mondiale del 2017 è sicuramente uno degli obiettivi principali del Torneo. Il primo è quello di confermare le ottime prestazioni dello scorso anno, non solo sul piano dei risultati (tre vittorie contro Scozia, Francia e Galles ed il terzo posto nella graduatoria finale, ndr). Non sarà facile quest'anno centrare il risultato con tre partite fuori casa, tutte molto impegnative, ma cercheremo di fare, comunque, del nostro meglio. Ci presentiamo al 6 Nazioni con una rosa composta di molte atlete alla prima esperienza in azzurro per avere in vista del mondiale una rosa più larga possibile”.

A dare la carica alle Azzurre nel torneo sarà #sarabarattin, 62 caps con l'Italia, che eredita i gradi di capitano da Silvia Gaudino, 65 presenze, indisponibile per l'edizione 2016.

Mediano di mischia e capitano del #rugby Casale dal 2010, Sara è nata a Treviso l'11 settembre 1986. Avviata al #rugby all'età di 17 anni, si è formata nelle fila della Benetton Treviso con cui ha vinto tre Scudetti.

Ha esordito in Nazionale nel 2005 nel Torneo FIRA disputato ad Amburgo. L'anno precedente era scesa in campo a Limoges con la Nazionale Seven U20; della Seven Azzurra è capitano dal 2010, lo è stato anche in occasione delle Universiadi del 2013 a Kazan, argento per l'Italia.
Laureata in Scienze Motorie nel 2010, è istruttrice di sala pesi.

"Silvia è stata un punto saldo della Nazionale negli ultimi anni” – a parlare è il coach azzurro – "All'interno della squadra ci sono personalità forti, con leadership riconosciuta. Sara ha tutte le caratteristiche di un capitano e di una persona di riferimento per il gruppo sia in campo che fuori.”

Maggiori informazioni nel comunicato stampa da scaricare